Home Page Climagri
Links
Mappa del sito E-mail
Home Page Ucea
Ricerca 2.2
 
 

<<

Ricerca 2.2

PROGETTO FINALIZZATO CAMBIAMENTI CLIMATICI E AGRICOLTURA "CLIMAGRI"

SOTTOPROGETTO 2 - Agricoltura italiana e cambiamenti climatici

TEMATICA 2.2:

Individuazione delle aree agricole e delle colture a forte rischio per variazioni climatiche

Responsabile della ricerca :  Dott. Pierpaolo Duce - Ist. Biometeorologia Laboratorio per il Monitoraggio degli Agroecosistemi CNR-IBMET Via Funtana di lu colbu 4/A-07100 Sassari

FINALITĄ DELLA RICERCA

I principali obiettivi del programma di ricerca sono riconducibili a due tipologie:

·        metodologici: (i) individuazione e/o messa a punto di indici (bio-fisici, socio-economici, ecc.) di rischio climatico e (ii) messa a punto di metodologie di analisi per la valutazione della suscettibilitą alle variazioni climatiche delle aree agricole e delle colture;

·        operativi: (i) fornire mappe di rischio climatico delle produzioni agricole e (ii) rendere disponibili strumenti quantitativi e qualitativi per decisioni in materia di programmazione agricola del territorio.

DESCRIZIONE DELLA RICERCA ARTICOLATA NEI TRE ANNI

L'individuazione delle aree agricole e delle colture a forte rischio per variazioni climatiche sarą effettuata attraverso la valutazione dell'impatto dei possibili scenari climatici futuri. Sono state individuate due metodologie: (i) l'analisi spaziale, che indaga sulle conseguenze delle variazioni climatiche (aumento della temperatura, diminuzione delle precipitazioni, ecc.) in termini di localizzazione delle aree agricole e ne esamina gli effetti nelle aree e nei luoghi dove č praticabile allo stato attuale l'agricoltura, e (ii) l'analisi della produttivitą delle colture, che č stato il primo metodo sviluppato per definire la suscettibilitą delle diverse specie alle variazioni climatiche e che rappresenta il metodo di valutazione pił diffuso.

L'analisi spaziale sarą effettuata attraverso la determinazione della marginalitą o del rischio delle attivitą agricole sottoposte a diversi scenari di variazione climatica. Il primo passo consisterą nell'identificazione di una condizione o di un insieme di condizioni che limitano fortemente la produzione agricola o la rendono marginale. Queste condizioni potranno riferirsi ad aspetti bio-fisici (durata dei periodi senza gelate, durata della stagione arida, gradi giorno, evapotraspirazione potenziale ecc.) o socio-economici. Per ciascuna delle condizioni selezionate, saranno definiti degli indici che permettono di quantificare il livello di marginalitą e/o di rischio delle aree destinate all'attivitą agricola (ad esempio, indici bioclimatici, indici di rischio gelate, un indice sintetico di land capability, ecc.). La sensibilitą delle aree agricole e il rischio di abbandono di tali aree a seguito delle variazioni climatiche potranno infine essere valutati ripetendo l'analisi per diversi scenari climatici.

L'analisi della produttivitą delle colture sarą effettuata attraverso l'applicazione di procedure statistiche e/o tecniche di simulazione. Come noto, i modelli di simulazione sono stati sviluppati integrando un insieme di equazioni matematiche basate sulla conoscenza empirica o analitica di specifici processi fisiologici (fotosintesi, respirazione, traspirazione, ecc.) e sulla loro interazione con l'ambiente (clima e suolo). Rispetto ai metodi statistici, i modelli di simulazione si prestano maggiormente a essere utilizzati anche per condizioni ambientali diverse da quelle attuali. Questo tipo di valutazione dell'impatto delle variazioni climatiche sull'agricoltura permette di considerare sia le risposte tecnologiche sia gli adattamenti fisiologici ai cambiamenti climatici.

 

OBIETTIVO DETTAGLIATO DEL PRIMO ANNO

Nel corso del primo anno il programma di ricerca si pone i seguenti obiettivi:

  • raccolta dei dati e delle informazioni necessarie alla caratterizzazione delle aree agricole;

  • identificazione dell'insieme di condizioni che caratterizzano le aree agricole;

  • calcolo e analisi spazio-temporale degli indici di rischio climatico connesso alle attivitą agricole;

  • identificazione, per ciascuna delle condizioni selezionate, di un valore critico degli indici di rischio;

  • realizzazione di mappe di rischio climatico.

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE  

*   Brouwer, F.M., 1988. Determination of broad-scale land use changes by climate and soils, Working Paper WP-88-007, Laxenburg, Austria: International Institute for Applied Systems Analysis.

*   de Freitas, C., 2000. Methods of sensitivity analysis to assess impacts of climate change on water resources at the regional scale, Proc. 3rd European Conference on Applied Climatology, Pisa, 16-20 October 2000.

*   Hudson, G., e Birnie, R.V., 2000. A method of land evaluation including year to year weather variability, Agricultural and Forest Meteorology, 101: 203-216.

*   IPCC, 1990. Climate change: The IPCC Scientific Assessment, International Panel on Climate Change, edited by Houghton J.T., Jenkins G.J., and Ephraums J.J. Cambridge: Cambridge University Press.

*   IPCC, 1992. Climate Change 1992, The Supplementary Report to the IPCC Scientific Assessment. Cambridge: Cambridge University Press.

*   IPCC, 1996. Climate change: The Second IPCC Assessment Report, edited by Houghton, J.E., Meira Filho, L.G., Callander, B.A., Harris, N., Kattenberg, A., and Maskell, K. Cambridge, Cambridge University Press, 572 pp.

*   Mann M.E., Bradley R.S., e Hughes M.K., 1998. Global-Scale Temperature Patterns and Climate Forcing over the past Six Centuries, Nature 392: 779-787.

*   Nicholls, N., Gruza, G.V., Jouzel, J., Karl, T.R., Ogallo, L.A., e Parker, D.E., 1996. Observed climate variability and change. In: Climate Change 1995: The Science of Climate Change, edited by Houghton, J.E., Meira Filho, L.G., Callander, B.A., Harris, N., Kattenberg, A., and Maskell, K. Cambridge:Cambridge University Press, pp.133-192.

*   Parry, M.L., e Carter T.R., 1988. The Assessment of Effects of Climatic Variations on Agriculture: Aims, Methods and Summary of Results, In: The Impact of Climatic Variations on Agriculture. Vol. 1. Assessment in Cool Temperate and Cold Regions, edited by M.L. Parry et al., Reidel Publ. Co., Dordrecht, pp. 11-95.

DOCUMENTI

* Relazione I° Anno

* Rischio climatico per l'agricoltura in ambiente Mediterraneo - Workshop Cagliari 16-17 Gennaio 2003 

* II° Workshop Roma 3-4 / 04 / 2003
 
Metodologie per la classificazione delle aree agricole in relazione al rischio climatico

* Scheda informativa sull'attività al 30/04/2003

* Relazione II° Anno

 

Torna all'inizio

 

>>