Home Page Climagri
Links
Mappa del sito E-mail
Home Page Ucea
Risultati
 
 

Relazione Finale I° Anno

Climagri - Cambiamenti Climatici e Agricoltura

sottoprogetto 2: AGRICOLTURA ITALIANA E CAMBIAMENTI CLIMATICI

lINEA DI RICERCA 2.3: "Effetto delle modificazioni del clima sui rischi da gelate (invernali, precoci, tardive) e sul soddisfacimento in freddo delle specie coltivate"

Responsabile della ricerca: Dr Franco Zinoni 

Collaboratori :
¨       CNR - Istituto di Biometeorologia, sez. di Agrometeorologia, Bologna
¨       Ist. di S. Michele a/Adige,  (TN)
¨       Mipaf - UCEA, Roma
¨       Un. Di Milano - Dipartimento di Produzioni Vegetali, Milano

Ente: ARPA Servizio Meteorologico Regionale, Bologna

Obiettivi della ricerca

La ricerca si propone di ridefinire per alcune aree tipiche dell'agricoltura italiana la probabilità di gelate precoci e tardive e correlarli con i cicli di sviluppo delle principali colture previsti sulla base degli scenari climatici futuri. Inoltre, uno studio preventivo della disponibilità di unità di freddo in relazione alle esigenze delle principali colture, alla tendenza delle temperature invernali può essere di grande aiuto nella programmazione delle scelte varietali dei futuri impianti, al fine di ridurre il rischio connesso ai citati aspetti, determinato dalla modifica del clima.

Nel corso della ricerca verranno realizzati elaborati cartografici e statistici coi quali sarà possibile definire le strategie di produzione più opportune da parte degli Enti preposti alla programmazione,  al fine di ridurre o ponderare il rischio connesso alle basse temperature o alla mancanza di unità di freddo a seguito di possibili mutamenti climatici.

In particolare, sono previste cartografie a diverse soglie di probabilità di frequenza e intensità delle gelate e probabilità di accumulo di unità di freddo, e tabelle di frequena e ricorrenza delle gelate per classi di intensità e tipo. La metodologia e i SW sviluppati nel corso del progetto saranno disponibili per ulteriori aggiornamenti e studi e per applicazioni ad altre aree interessate dallo stesso problema.

Modifiche apportate rispetto al programma originale

Nel corso del 1° anno sono state apportate alcune modifiche al programma dettate dalla necessità di adeguare alcuni aspetti della ricerca alle situazioni riscontrate in fase operativa. Tali  variazioni sono state concordate con il coordinatore del progetto CLIMAGRI e riguardano:

·        La rimodulazione della distribuzione delle attività tra le varie unità di ricerca in quanto l'Istituto Sperimentale di Frutticoltura di Roma (previsto all'interno della scheda) non ha ritenuto opportuno procedere alla formalizzazione dei rapporti previsti nella presente scheda. L'attività e l'importo previsto per la sua realizzazione sono stati suddivisi, tra le 3 U.O. del progetto che presentano competenze adeguate a suffragare l'attività prevista a carico dell'Istituto di Frutticoltura.

·        Per migliorare l'interpolazione spaziale della cartografia del rischio climatico attuale da gelate tardive sono stati acquisiti i dati da satellite ( meteosat e NOAA) e sono state realizzate le cartografie con i dati telerilevati, da utilizzare come metodo di calibrazione del modello microtopografico.   

·        Per migliorare l'informazione bibliografica relativa alle soglie di danno, è stata attivata una verifica sulla reale incidenza delle gelate tardive in Emilia Romagna effettuata per le diverse soglie di temperatura minima attraverso l'analisi comparata delle temperature e delle perdite di produzione registrate per le diverse colture nei vari anni.

Attività svolta nel corso del 1° anno:

Nel corso del 1° anno sono state eseguite, coerentemente con quanto previsto dalla scheda di ricerca, le seguenti attività:

1. Attività di progetto e coordinamento con le unità operative addette allo studio climatico e allo sviluppo di scenari climatici futuri

·        Analisi e definizione dei formati per lo scambio dei dati

·        Analisi della tempistica prevista dai vari progetti

·        Redazione periodica di uno stato di avanzamento dei lavori

·        Predisposizione delle convenzioni

·        Adeguamenti operativi rispetto al programma preliminare a seguito della defezione dell'U.O. Ist. di Frutticoltura di Roma;

·        Stesura di un programma di lavoro dettagliato e coordinato tra le UO del progetto, per gli aspetti relativi alle attività del 1° anno;

2. Riunione di coordinamento interne al progetto

·        Predisposizione del programma operativo di massima;

·        Riunioni di coordinamento con le unità operative del progetto ( un incontro di presentazione e avvio del progetto, un incontro di stato avanzamento lavori, una riunione per l'analisi dei risultati del primo anno)

·        Redazione periodica di uno stato di avanzamento dei lavori a cura del coordinatore del progetto  

3. Ricerca  e definizione degli standard operativi per l'organizzazione delle informazioni relative ai danni da gelo delle colture previste nel progetto

·        Ricerca bibliografica relativa alla sensibilità al gelo delle specie considerate dal progetto;

·        Analisi dei danni da gelo verificatisi nel corso degli anni negli areali considerati dal progetto;

·        Raccolta e organizzazione delle informazioni

4. Ricerca di indici sintetici di rischio climatico per coltura e gruppo varietale in relazione all'intensità della gelata, alla durata, alla frequenza e alla fase fenologica della pianta

·        Stima di un indice in grado di esplicitare il rapporto tra intensità e durata della gelata per tipo di gelata e località

·        Correzione  dell'indice di gelata in relazione alla fase fenologica e al danno produttivo potenziale della gelata. L'indice dovrà essere specifico per specie e gruppo varietale

·        Sviluppo di un indice globale di rischio da gelata tardiva, idoneo per un confronto generale fra le aree di studio e per una valutazione generale dell'incremento o riduzione climatica del rischio.

5. Definizione degli standard operativi in relazione all'organizzazione dei dati climatici e alla realizzazione delle nuove misure (ARPA-SMR, CNR, ISMA, UCEA)

·        Realizzazione di un data base comune per la gestione e l'elaborazione dei dati climatici necessari all'esecuzione dello studio e alla realizzazione degli elaborati previsti dal progetto

·        Prima elaborazione dei dati climatici e individuazione di nuove campagne di misura meteorologica ad integrazione dei dati rilevati dalle stazioni standard

6. Ricerca dei modelli fenologici necessari per la simulazione dello sviluppo delle piante arboree nella fase di germogliamento - fioritura - allegagione - frutticino (ARPA-SMR, CNR, ISMA, Ist. Frutticoltura) e delle colture erbacee nella fase emergenza - levata (ARPA-SMR, Un. di Milano)

·        Analisi dei modelli fenologici resi disponobili dal progetto PHENAGRI

·        Ricerca bibliografica di modelli fenologici a completamento delle acquisizioni disponibili dal progetto PHENAGRI

·        Individuazione dei modelli o sub-modelli più adatti allo scopo della ricerca

7. Messa in opera della strumentazione di misura delle temperature, del bilancio energetico e radiativo in siti rappresentativi di situazioni tipo di gelata primaverile (ARPA-SMR, CNR, ISMA)

·        Realizzazione di stazioni di misura del bilancio energetico

·        Posizionamento di sensori di temperatura in situazioni topoclimatiche differenti

·        Misura della stabilità/instabilità dell'aria nelle situazioni di gelata tardiva

8. Analisi del formato e organizzazione dei dati provenienti dal Down Scaling degli scenari climatici futuri (ARPA-SMR, UCEA)

·        Messa a punto di una banca dati compatibile per l'analisi comparata dei dati climatici e dei dati provenienti dal Down scaling degli scenari climatici futuri

·        Sviluppo di un sistema di post processing dei dati di down scaling per una loro applicazione alla scala di analisi dei dati climatici

9. Analisi e acquisizione di SW operativo dedicato alla gestione integrata dei dati climatici, previsionali e fenologici e per la realizzazione di elaborazioni modellistiche e geostatistiche (ARPA-SMR, Un. di Milano, CNR, ISMA)

10. Relazione al termine del 1° anno di attività

·        Descrizione delle attività svolte

·        Relazione tecnica relativa ai risultati conseguiti nel corso delle attività

·        Rendicontazione delle attività e dei costi sostenuti

Risultati attesi nel 1 anno

Nel corso del 1° anno di attività sono stati ottenuti i seguenti prodotti:

·        Strato informativo digitale del terreno alla scala di dettaglio per alcune delle aree di studio

·        Modello integrato topoclimatico che consente di aggiornare la climatologia delle gelate utilizzando i dati rilevati dalle stazioni meteorologiche e la topografia del suolo alla scala di dettaglio (1:25.000 - 1:10.000) realizzato e operativo per l'area di studio dell'Emilia Romagna.

·        Definizione di standard e sviluppo di un sistema per la stima di un indice sintetico di suscettibilità del territorio alle gelate tardive in relazione alla frequenza, intensità e ritardo con cui si sono verificate le gelate nei comprensori oggetto dello studio.

·        Report sulla sensibilità alle gelate delle diverse specie.

In allegato si trasmette la relazione tecnica conclusiva del 1° anno di attività , i dati e i prodotti realizzati nel corso del progetto.

Rendicontazione delle spese sostenute per la realizzazione delle attività previste nel 1° anno

Spese per personale                                                           46.548,21 Euro

Missioni sul territorio nazionale                                                  1.100,00  Euro

Consulenze ed incarichi professionali                            45.448,21 Euro

Consulenza CNR                                                                      10.329,14 Euro

Consulenza Un. Di Milano                                                         10.329,14 Euro

Consulenza ISMAA                                                                    7.746,85 Euro

Incarico professionale                                                             17.041,98 Euro

Spese per materiale e Noleggi                                           1.549,37 Euro

Noleggi                                                                                       1.032,91 Euro

Materiale vario                                                                              516,46 Euro

Spese generali                                                                       2.582,28 Euro

 

Torna all'inizio